La Location

La vicenda ha luogo a Roma, nei primi anni del 1500, in pieno Rinascimento.
E’ la Roma del papa Borgia, degli intrighi di potere, dello sfarzo, degli eccessi. E’ la Roma della rinascita delle arti, dei cenacoli letterari, delle sontuose feste di corte. Gli studiosi umanisti e i curiali sono soliti riunirsi tra loro, soprattutto la sera, a discutere liberamente di problemi filosofici, politici, culturali.
A queste riunioni le presenze femminili sono particolarmente gradite. Deve trattarsi però di donne che a bellezza e femminilità uniscano intelligenza e cultura. Ma a declamar versi del Petrarca con una bella giovinetta, si sa, una rima tira l’altra: passare da una disquisizione su Platone a una razzolata sul divano è un attimo. Manco a dirlo, i casti cenacoli letterari diventano in breve tempo dei veri e propri baccanali. Una sorta di Roma da bere, per intenderci.
Le cortigiane - così verranno definite le gentili ospiti - per ovvie ragioni non possono essere reclutate nella buona società. Si tratta di giovani sole, libere, magari di modesta estrazione sociale, che finiscono spesso col farsi mantenere dai ricchi banchieri e mercanti che frequentano i convegni. Non mancano addirittura le madri pronte a far istruire le figlie per avviarle verso una lucrosa quanto rispettabile attività.
Imperia, infatti, è una di queste.